Le Fantasie Sessuali “Difficili”

Dal momento che non sono un sessuologo, i commenti su questioni legate alla sfera sessuale saranno per la maggior parte articoli di qualcun altro, che possa parlare di cose importanti con più autorevolezza di me.  Questo sito è inteso essere un servizio per chi lo legge, clienti e lettori che hanno diritto a ciò che personalmente ritengo sia il miglior servizio possibile. Per questo mi avvarrò talvolta di aiuti in certi campi specifici.  Senza contare che io non intendo farmi passare per un tuttologo.

Propongo qui un articolo del Dr. Marty Klein, sessuologo, apparso di recente sul suo blog Sexual Intelligence. E’ un articolo scritto con il suo stile leggero ma che  spesso tocca questioni difficili da gestire, che  mira a dipanare certe paure legate alle nostre umanissime fantasie sessuali.

Marty Klein, terapista di famiglia e della coppia, specializzato in Sessuologia, è uno dei più famosi sessuologi d’America e le sue opere sono conosciute in tutto il mondo. E’ stato docente alla Stanford University. Il suo studio è a Palo Alto, in California.

Il suo sito è: www.martyklein.com

Il suo blog è: http://www.sexualintelligence.org

Sappiamo che esiste la pornografia e sappiamo che esitono i gay. Ma esiste la pornografia gay? O si tratta semplicemente di pornografia che presenta persone dello stesso genere che sta facendo sesso?

Se si tratta di “porno gay”, allora rimarremmo sorpresi di scoprire che gente eterosessuale lo segue. Se si tratta di pornografia che presenta sesso tra persone dello stesso genere, allora sarebbe più strano lo scoprire che nessun eterosessuale la guardi.

Naturalmente si tratta della seconda possibilità. Gli adulti trovano sexy una vastissima gamma di fantasie e immagini – che non necessariamente hanno a che fare con i loro desideri nella vita reale. In altre parole, godersi delle scene in cui due uomini fanno sesso orale, non significa essere gay.

Nello stesso modo si può affermare che il provar piacere nel guardare scene di sesso forzato (o avere la fantasia di essere violentati) non significhi affatto che si desideri essere violentati nella vita reale. In altre parole, cosa ci eccita è solo una minima parte del nostro orientamento sessuale.

Se volete sapere se una persona è gay, etero, o bisessuale, provate a chiedere loro con chi fanno sesso (e con chi vogliono far sesso nella vita reale), e non quale film o video gli piaccia guardare. Questa domanda saltò fuori in una conversazione professionale l’altro giorno, quando un terapeuta senza esperienza chiese per quale motivo alcuni maschi eterosessuali erano attratti da siti web che presentavano transessuali pre-op (non operate, ndt) – tipicamente pubblicizzate come tranny o she-male – e quindi, immagini con persone che avevano un seno femminile e un pene. E perché non dovrebbero? Altro che avere la botte piena e la moglie ubriaca! Molti uomini eterosessuali amano il seno femminile, e molti uomini eterosessuali hanno una fascinazione per il pene. Questo tipo di pornografia permette al pubblico di godersi entrambi nello stesso momento. E le possibilità aritmetiche – che l’attore sia sullo schermo con un altro oppure molti altri – vengono aumentate in scala geometrica. Nessuno interessato alla fellatio? Nessuno interessato all’altalena dominio-sottomissione-dominio-sottomissione?

Ecco perché sconsiglio ai miei clienti etero l’uso dell’espressione “fantasia gay”, così come sconsiglio i miei clienti gay di far uso del termine “fantasia etero” ( a meno che non si tratti di fantasie RIGUARDANTI L’ESSERE GAY O ETERO, che è tutta un’altra storia).

Queste espressioni infatti confondono, perché suggeriscono che il provar piacere con fantasie di orientamenti sessuali di diverso tipo richieda una spiegazione. Un’indagine può sempre avere un suo valore, intendiamoci, specialmente quando le persone hanno problemi a riflettere su o riconoscere i propri interessi e le proprie curiosità. Di tanto in tanto il contenuto delle fantasie preferite è una metafora o un’espressione indiretta di un interesse. La fantasia imperniata su sesso tra membri dello stesso genere potrebbe eccitare un soggetto etero per le sue dinamiche di potere, tanto per dire. Una fantasia imperniata su persone di genere diverso potrebbe eccitare una persona gay per via di un desiderio di appartenenza, tanto per fare un altro esempio. Da tutto questo appare come la sessualità sia assai più complessa della dicotomia gay-etero.

Nel 1948 Alfred Kinsey rivelò dei dati che dimostravano come “il mondo non fosse semplicemente diviso “tra pecore e capre”, e introdusse la sua Scala Kinsey di 7 punti sull’orientamento sessuale. Oggigiorno, le espressioni del tipo GLBTQQI (Gay, Lesbian, Bisexual, Transgender, Queer, Questioning and Intersex, ndt), ci ricordano che l’orientamento sessuale di una persona assomiglia ad un film e non ad una fotografia. Questo significa che il comportamento può cambiare con il tempo. La curiosità e lo sperimentare ci può dirigere verso direzioni inaspettate – e, talvolta, noiose! Da questo punto di vista possiamo definirci tutti quanti “queer” *, e, potenzialmente o realmente “questioning.” **

In conclusione, è più importante godersi le nostre fantasie che cercare di comprenderle o decodificarle. La maggior parte di noi si diverte con gl’intrattenimenti di oggi – come video games violenti, melensi storie romantiche, documentari storici dettagliati, o utopici film di fantascienza – senza domandarsi cosa voglia significare l’aver tali preferenze. Tutti conosciamo persone dall’animo gentile che si divertono a seguire i massacri brutali presentati dalla serie TV CSI o Bones o qualunque sia l’ultima serie che ci pompa adrenalina nelle vene. Possiamo anche criticare i loro gusti, ma non c’é bisogno di aver paura dei loro impulsi violenti. Salvo, naturalmente, che si provi a cambiare loro il canale TV.

Copyright – Dr. Marty Klein – All Rights Reserved

*Queer ha il senso del sentirsi differente, un maschio con tendenze femminili, per quanto mi riesce di spiegarne il senso senza essere un sessuologo.

** Questioning rappresenta l’essere in dubbio, il domandarsi quale veramente sia il proprio orientamento sessuale.

Traduzione di Guido E. Valobra de Giovanni

Email: guidovalobra@lifecoachtorino.com – Tel: 366 532 4163

Questa voce è stata pubblicata in Sessuologia e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.